Wishlist

Hai 0 articoli in Wishlist

Carrello

0 articoli in Carrello

Carrello

Subtotale Carrello 0,00 €

DETRAZIONE FISCALE al 50%

16_-bonus-ristrutturazione-copia
DETRAZIONE FISCALE al 50%

L’agevolazione fiscale consiste nel riconoscimento di detrazioni d’imposta dall’Irpef (Imposta sul reddito delle persone fisiche) o dall’Ires (Imposta sul reddito delle società) nella misura del 50% delle spese sostenute, da ripartire in rate annuali di pari importo.
In ogni caso, come tutte le detrazioni d’imposta, l’agevolazione è ammessa entro un limite massimo di spesa che varia in base agli interventi previsti e che trova capienza nell’imposta annua derivante dalla dichiarazione dei redditi. In sostanza, la somma eventualmente eccedente non può essere chiesta a rimborso.
 
 
Nel dettaglio, la detrazione del 50% spetta per:
  • lavori di manutenzione ordinaria, straordinaria, restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia effettuati su parti comuni di edifici residenziali, cioè su condomini (interventi indicati alle lettere a), b), c) e d) dell’articolo 3 del Dpr 380/2001);
  • interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia effettuati su singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurali e pertinenze (interventi elencati alle lettere b), c) e d) dell’articolo 3 del Dpr 380/2001).
Alcuni esempi di lavori di manutenzione ordinaria per cui è riconosciuto il bonus ristrutturazioni sono i seguenti:
  • installazione di ascensori e scale di sicurezza
  • realizzazione e miglioramento dei servizi igienici
  • sostituzione di infissi esterni e serramenti o persiane con serrande e con modifica di materiale o tipologia di infisso
  • rifacimento di scale e rampe
  • interventi finalizzati al risparmio energetico, come l’installazione di climatizzatori invernali o sostituzione di una caldaia
  • recinzione dell’area privata
  • costruzione di scale interne.

Per ottenere queste agevolazioni fiscali è necessario il bonifico parlante per detrazione fiscale.
Si tratta di una specifica tipologia di bonifico (bancario o postale) che riporta i dati sia del contribuente che del destinatario, permettendo quindi di tenerne traccia. Si differenzia da un bonifico ordinario in quanto vanno specificati:
  • codice fiscale/partita iva del beneficiario del bonifico (ovvero la ditta/fornitore che effettuerà i lavori
  • codice fiscale/partiva iva del beneficiario della detrazione fiscale;
  • numero e data della fattura
  • nella causale va inserito il tipo di agevolazione fiscale e il riferimento alla legge: ad esempio per un bonifico parlante per ristrutturazione edilizia, va inserito “ai sensi dell'art. 16-Bis DPR 917-1986
Al momento del pagamento del bonifico, banche e Poste Italiane Spa devono operare una ritenuta dell’8% a titolo di acconto dell’imposta sul reddito dovuta dall’impresa che effettua i lavori.
 
Quando si effettua un intervento per risparmio energetico è obbligatorio trasmettere la comunicazione all’Enea entro 90 giorni dalla data di fine lavori attraverso il sito https://bonusfiscali.enea.it/
 
Piccole raccomandazioni
Ricordati di conservare:
  • la fattura d’acquisto
  • la dichiarazione di conformità o la dichiarazione di fine lavori
  • contabile del bonifico parlante
  • comunicazione Enea trasmessa
CATEGORIE
ARCHIVIO
Spedizione con corrieri
®2023CLIMACO.IT - P.IVA 11635821009 - CODICE REA: 1317585 - info@climaco.it - Tutti i diritti riservati - Tutte le immagini sono soggette a Copyright 2023
Privacy Policy
Cookie Policy
Termini e Condizioni
Powered & Designed by Passepartout